Sopravvivere ai tempi di coronavirus nella convivenza forzata

Sopravvivere ai tempi di coronavirus nella convivenza forzata Psicopillola di Cristina Sciacca psicologa

Foto di M.B.per sua gentile concessione

Ve ne siete accorti? Siamo tutti un po’ depressi, chi più, chi meno. Depressi e preoccupati.

Ogni giorno ce né una e dobbiamo abituarci a vivere proprio giorno per giorno in attesa dei bollettini e delle nuove disposizioni ministeriali.

Prima le scuole, poi, nel giro di un attimo, tutto è stato chiuso. Anche le nostre case. Chi se lo aspettava? Mai più di ora, “nessuno al mondo!” è la risposta più vera ed appropriata.

Siamo tutti sbigottiti, dapprima nervosi, ora un po’ depressi. D’altra parte, “cosa ti agiti a fare?” dicono le persone più sagge, quindi non ci rimane altro che la depressione, l’ipo attivazione, che , in realtà è funzionale nei momenti come questi.

Certo che le convivenze forzate, come anche gli allontanamenti forzati, sono acceleratori di processi e possono aumentare i conflitti familiari, di coppia, di lavoro.

Come ho già descritto in precedenti psicopillole, quando siamo stressati si rimpicciolisce la nostra tolleranza emotive e diventiamo più suscettibili agli stimoli dell’ambiente ed interiori.

Cosa ci può salvare in questo momento di isolamento forzato, di limitazione della nostra libertà, di quarantena?

Come sempre le cose da fare sono poche, semplici e chiare, anche se non facili da applicare.

Si ribadisce che l’atteggiamento mentale fa la differenza perché influenza il corpo ed i comportamenti.

Le cose che possiamo fare, TUTTI al fine di migliorare la nostra resilienza e combattere l’umore depresso sono:

ADATTARSI: l’uomo è come i topi, si adatta all’ambiente. Beh, anche come il virus.., in effetti. Ora è necessario che ci adattiamo alle nuove regole che ci vengono date dalle istituzioni ( mi raccomando, SOLO siti istituzionali: Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità, Protezione Civile, Siti delle Regioni). E’ inutile sprecare energie per trasgredire le regole, i furbetti del coronavirus non trasgrediscono solo per loro stessi perché il loro comportamento può avere effetti sugli altri

Io credo che creare REGOLE casalinghe aiuti la convivenza, quindi in questo momento di convivenza forzata sono davvero utili. Per esempio: regole nella gestione degli spazi di casa: stabilire chi può ritirarsi e dove per avere un momento di isolamento. Avete presente cosa fanno i criceti quando sono in cattività e sono troppi nello spazio a loro disposizione? Diciamo che la loro disponibilità verso l’altro diminuisce sensibilmente e si rimpicciolisce la loro finestra di tolleranza aumentando l’aggressività. Questo accade anche a noi quando non abbiamo degli spazi in cui poterci isolare un po’, dal partner, dai figli, i figli dai genitori, i fratelli dai fratelli, e così via

regole nella gestione della cura della casa e nella distribuzione dei compiti Mantenere un equilibrio della distribuzione dei compiti è fondamentale per diminuire i conflitti familiari dati dalle asimmetrie di potere: chi fa cosa e trovare qualcosa da fare per tutti in casa potrà aiutare anche nel mondo nuovo che si aprirà dopo il coronavirus. Questa regola però apre un aspetto interessante che riguarda la capacità di delega e la tolleranza alle attività svolte dal delegato di turno. Siamo figli del “chi fa da sé fa per tre”, soprattutto in casa dove spesso c’è una persona (la donna, in genere) che ha lo scettro del comando e stabilisce le procedure per come si fa la lavastoviglie, come si fa il letto, come si pulisce la camera, ecc. Ecco, grande attenzione a questi comportamenti, perché in tempo di pace, possono anche avere una funzione, ma in tempo di coronavirus mettono ancora più a rischio la stabilità emotiva di tutti! Ricordiamoci ciò che abbiamo detto: quando siamo stressati siamo meno tolleranti su tutto (farò prossimamente una psicopillola sulla finestra di tolleranza) e nessuno ha l’esclusiva! Tutti i componenti della famiglia saranno più stressati e questo porta alle deflagrazioni dei conflitti

regole nella gestione del tempo : Un aspetto importantissimo nella gestione delle emergenze e in tutte le situazioni traumatiche (sì, perché anche questa del coronavirus a suo modo lo è anche se, per i più fortunati che non ne saranno coinvolti in prima persona) riguarda la gestione dei ritmi quotidiani della giornata. Dopo i primi giorni di assoluto e lecito bighellonamento casalingo, divano-letto, letto-divano, che ci sono serviti per riposare, occorre, AL PIU’ PRESTO, ristabilire i ritmi abituali. Regole per definire il tempo significa definire gli orari per

dormire,

per la cura della casa,

 per la preparazione dei pasti,

per guardare le notizie in TV sul coronavirus,

per svolgere le attività scolastiche,

per svolgere le attività lavorative  di formazione on line

tutto intervallato da momenti di svago e gioco.

Il rischio quando si è a casa forzatamente è, infatti, quello che il tempo di svago e gioco, guardare serie TV, stare sui social, giocare ai videogames, per citare alcune delle attività che tutti amiamo fare, se lì per lì ci riempie di soddisfazione, a lungo andare inciderà MOLTO negativamente sul nostro umore lasciando dentro di noi stessi una larvata sensazione di inutilità e di perdita di senso, o di disperazione se tutto il tempo seguo i notiziari in TV.

  • Regole nei comportamenti: nei momenti di stress cerchiamo sempre, in qualche modo, di attuare strategie atte a ridurlo, fa parte dell’adattamento all’ambiente, ma che in questo caso si chiama adattamento MALADATTIVO. L’adattamento maladattivo lo conosciamo tutti e ora farò qualche esempio così molti potranno riconoscersi in questi comportamenti: quindi, sono stressato? allora
    • Mangio di più
    • Dormo di più
    • Lavoro di più
    • Abuso di sigarette
    • Abuso di sostanze
    • Abuso di farmaci
    • Abuso di internet
    • Abuso di sesso
    • Abuso di xyz

Avete capito bene, si tratta di auto limitarsi per evitare di incorrere in dipendenze da sostanze o comportamentali che, infatti, sono attuate spesso a compensazione di stati emotivi che generano sofferenza. Ecco perché stabilire regole che riguardano la birretta, la lasagna, il fumo, il gioco d’azzardo (le tabaccherie sono aperte e on line si può giocare a go go), ecc. è necessario per proteggerci.

  • ATTRIBUZIONE DI SENSO, ecco qui qual è l’arma che abbiamo tutti in dotazione essendo tra le attività chiave del nostro cervello corticale che attraverso il ragionamento ci aiuta a risollevarci dalle situazioni più difficili senza farci divorare dalla paura o dalla rabbia. Il processo di attribuzione di senso, che NON significa dare le colpe, ma trovare la motivazione che spinge a determinati comportamenti, ricercare le cause che determinano effetti. Ogni volta che ci ritroviamo a non poter uscire di casa, ad avere modalità di comportamento costrette da altri, alla limitazione delle nostre libertà (perchè, ora sì, che ci accorgiamo di quanto siamo liberi), ripensiamo al perché lo facciamo. Tutti noi lo sappiamo bene, ormai!
  • Stiamo a casa per ridurre il contagio da CoviD-19
  • Stiamo a casa per non ammalarci di CoviD-19
  • Stiamo a casa per non fare ammalare i nostri cari di Covid-19
  • Stiamo a casa per non fare ammalare persone che entrano in contatto con noi di CoviD-19
  • Stiamo a casa perché così non mandiamo al collasso il nostro sistema sanitario data questa epidemia di Covid-19
  • Stiamo a casa perché se così ci ammaliamo di Covid-19, magari ci riescono a curare
  • Stiamo a casa, perché anche se questo coronavirus ce l’hanno portato gli alieni o i russi o gli americani o i pippistrelli, ora non dobbiamo diffondere il Covid-19
  • Stiamo a casa, perché così finisce prima questa epidemia di Covid-19 e usciremo tutti di casa, cambiati, ma usciremo tra qualche settimana
  • …tanto per dirne alcune

Utilizzando il nostro ragionamento possiamo contenere le nostre ansie che arrivano per tutti e che non gestiamo si autoalimento in un circolo vizioso.

  • ESSERE UTILI AGLI ALTRI. Un modo per stare meglio noi stessi, sembrerà controintuitivo, ma è proprio sentirsi utile per qualcun altro. L’uomo è un animale sociale, ci hanno insegnato a scuola, ed infatti la solidarietà ci aiuta a dare un senso alla nostra stessa vita.

Al prossimo aggiornamento, ora mi vado a mettere il rossetto perché devo “uscire”: ho un appuntamento con un mio paziente su Skype, perché #iorestoacasa.

Psicopillola di Cristina Sciacca psicologa

Psicopillola: pensieri al tempo (liberato) del coronavirus

Psicopillola: pensieri al tempo (liberato) del coronavirus

Poco fa, mentre giravo per le strade semi deserte, comunque per le strade mai state così vuote dai tempi dell’austerity, ho avuto un pensiero che mi ha sorpreso.

Il pensiero che ho avuto, mi ha sorpreso perché pare essere incongruo con lo stato delle cose.

Stato delle cose che tutti conosciamo bene, caratterizzato dalla limitazione della nostra libertà, a fin di bene, ovvio, ma a cui non siamo minimamente abituati.

Siamo infatti limitati nelle relazioni sociali, nei movimenti, nello svolgersi delle nostre abitudini e routine di vita, per questo mi ha meravigliato il mio pensiero.

Mi ha meravigliato e quasi quasi sono in difficoltà ad esprimerlo e portarlo dal pensiero alla luce della scrittura, che rende i pensieri espliciti e pronti per essere interpretati da tutti coloro che li leggono.

Ho pensato : “Siamo FORTUNATI! “ , allora ho cercato di capire meglio questo pensiero e queste sono le ragioni che mi vengono in mente:

1.Siamo fortunati perché c’è il sole e andiamo verso la primavera che significa sempre più luce che fa bene all’umore e possiamo camminare, stare in giardino, coltivare fiori e forse possiamo pure già pensare di fare l’orto, pure chi non l’ha mai fatto

2.Siamo fortunati perché in questo periodo di isolamento abbiamo tanti strumenti tecnologici che accorciano le distanze con i social e riempiono il nostro tempo permettendoci di dare sfogo ai nostri hobbies preferiti

3.Siamo fortunati perché il mondo è tutto interconnesso e si sanno prima le disgrazie, ma così, si possono sommare le conoscenze in un circolo virtuoso arrivando in minor tempo a contenere le problematiche e prima a soluzioni farmacologiche e terapeutiche

4.Siamo fortunati perché ci sentiamo più uniti, uniti in quanto la situazione colpisce tutti allo stesso modo e non guarda in faccia a niente, perchè, tanto prima o poi, gli altri siamo noi e la solidarietà è utile e necessaria

5. Siamo fortunati perché possiamo essere più riposati, il tempo che non possiamo trascorrere fuori lo possiamo trascorrere a riposo e il sonno è fondamentale per il nostro cervello … e anche per le rughe

6. Siamo fortunati perché, alla fine, si tratterà solo di qualche settimana e potremo ritornare al nostro ritmo, e forse un pochino lo rallenteremo

7.Siamo fortunati perché, anche se molti di noi saranno più poveri per le difficoltà legate al lavoro, almeno sappiamo che il fine giustifica i mezzi e se proprio proprio ci dovessimo ammalare gravemente, in tanti si prenderebbero cura di noi nei nostri ospedali

8.Siamo fortunati perché al momento stiamo bene e se cerchiamo di essere previdenti magari la scampiamo, e se non la dovessimo scampare, abbiamo un sistema sanitario che si prenderà cura di noi

9.Siamo fortunati perché sappiamo cosa fare per evitare il contagio, non è qualcosa di sconosciuto come nelle epidemie del passato

10.Siamo fortunati perché sappiamo che dopo la pioggia viene il sereno e brillerà in cielo l’arcobaleno.

E poi ho pensato: “ma chi mi ammazza a me?“      Incrociamo le dita, laviamoci le mani e speriamo di scamparla…

…Beh, cerchiamo di pensare positivo, perché il nostro modo di pensare influenza il nostro umore, il nostro umore, agisce biologicamente nel nostro cervello e di conseguenza nel nostro corpo, e noi, dobbiamo cercare di renderlo più forte il nostro corpo anche attraverso la mente con il pensiero positivo in un circolo virtuoso.

Proprio come stanno facendo i nostri bambini. Sì, perchè sono i pensieri positivi e semplici che ci fanno stare bene.

Non so se mi sono spiegata….

Psicopillola di Cristina Sciacca Psicologa

Esercitare il pensiero positivo: proviamoci anche con la situazione coronavirus

Esercitare il pensiero positivo: 10 aspetti positivi della situazione coronavirus

Dalla sera alla mattina la nostra vita è cambiata. Come quella volta delle torri gemelle ora c’è un prima e un dopo.

Dalla sera alla mattina, come nel peggiore degli incubi, ci siamo svegliati catapultati violentemente fuori dalla nostra comfort zone, quella zona di certezze e sicurezze a cui siamo abituati, quella zona in cui ci sentiamo al calduccio e siamo piombati nell’incubo del contagio.

L’incubo del contagio fa emergere le nostre vulnerabilità e ci ritroviamo a temere ogni starnuto, ogni colpo di tosse, ogni malessere nostro e, ancor di più quelli degli altri, possibili infetti, creando scenari apocalittici come gli scaffali dei supermercati, città vuote, stazioni ferroviarie deserte.

Mi viene in mente una vecchia serie, una volta si chiamavano sceneggiati, non so se fosse uno sceneggiato, ma forse chi è degli anni sessanta o più vecchio la ricorda, ah ecco!, credo si chiamasse “i sopravvissuti” dove si raccontava di queste persone che erano sopravvissute, appunti, ad un evento tragico… ero piccolina, non ricordo bene la storia, ma ho presente le immagini e l’atmosfera cupa della storia. Sì, perché è questo che rimane in memoria, l’aspetto emotivo legato alle situazioni che poi non si dimentica.

Tornado a noi e bando ai ricordi appannati…Lascia perdere che ormai i mass media tentano di ridimensionare ciò che prima avevano sovradimensionato, ora il fenomeno coronavirus o COVID 19 va da sé e non è facile tenerlo a bada.

Il pericolo di contagio, come altri forti stressors, soprattutto quelli di cui è difficile avere il controllo (già, abbiamo l’illusione di poter avere tutto sotto controllo), possono avere una azione molto importante nella vita di ognuno di noi, riducendo la nostra soglia di tolleranza alle situazioni e portandoci a reagire in modo istintivo per proteggere noi stessi e i nostri piccoli in ogni modo possibile.

Ovviamente non mi riferisco alle sacrosante indicazioni che il Ministero e le Regioni ci danno volte a rallentare l’impatto del contagio nel Paese, ma alle modalità dei singoli nella applicazione e a volte nella sovraapplicazione di tali modalità che, grazie alle influenze del gruppo sui singoli, porta a fenomeni di massa (qualcosa ho descritto in questa mia psicopillola qualche giorno fa https://cristinasciaccapsicologa.it/coronavirus-prevenzione-e-psicosi-di-massa-meccanismi-automatici-dellisteria-di-massa/) difficili da controllare e che hanno conseguenze sociali ed economiche.

Ecco, proprio in momenti come questi, credo sia opportuno esercitare il nostro cervello corticale, quello della razionalità e anche dell’ironia (molto diffusa tra meme e vari post, video o audio che tutti troviamo sui social), per individuare i lati positivi della situazione per vederne anche altri aspetti e non solo quelli devastanti.

Sì, proprio un esercizio di stile in cui cerchiamo punti positivi che anche ognuno di voi può fare.

 Potete ordinarli secondo categorie, ad esempio per le aziende, per la società per l’individuo, per le famiglie, oppure buttarli giù come capita.

Comincio io ad elencare i lati positivi della (brutta) situazione che stiamo vivendo:

1.Abbiamo un sistema sanitario che può prendersi cura di noi in modo straordinario

2.Con la chiusura al pubblico di molte strutture chi lavora ha la possibilità di sbrigare lavoro vecchio o noioso, di quelle cose che non hai mai tempo di fare

3.I ritmi sono tutti rallentati, come quando nevica, il mondo è lo stesso, ma pare tutto più silenzioso, più ovattato più a dimensione umana e scendono i valori dell’inquinamento atmosferico

4.I ritmi rallentati possono favorire un riposo inaspettato, leggere, scrivere, guardare le serie preferite, cucinare, stare insieme a qualcuno di caro

5.Ha avuto un’impennata lo smart work, ora il lavoro agile tutti lo conoscono e tutti lo bramano, questa può essere un’opportunità per avere una maggiore flessibilità lavorativa

6.Possiamo riflettere su (nuove) parti di noi, quelle che già conosciamo o che ci hanno fatto uscire fuori controllo se ci siamo trovati ad accaparrare amuchina o merci a lunga conservazione divorati dalla paura in previsione della fine del mondo, o se ci siamo tritrovati una forte ostilità nei confronti degli altri con un atteggiamento persecutorio. Riflettere su noi stessi, un po’ di introspezione quotidiana e conoscere le nostre reazioni ed il nostro funzionamento ci aiuta a proteggerci

7.Abbiamo ora la consapevolezza che, pur vivendo nella parte del mondo privilegiata, non siamo invulnerabili, così possiamo apprezzare di più ciò che abbiamo.

8. Siamo anche più consapevoli che avere il controllo di tutto è una illusione e che occorre accettare gli eventi e gestirli al meglio per noi e per gli altri.

9. Che siamo “più uguali” di quanto si possa pensare: tutti vittime e carnefici inconsapevoli, più che untori

10. Tutti ci laviamo le mani nel modo corretto e rispettiamo norme igieniche base, ma importantissime per la prevevenzione

Approfittiamo per prenderci un po’di tempo per noi stessi e per chiederci se qualcuno di più fragile di noi ha bisogno di aiuto dato che occuparci degli altri ci aiuta ad uscire da noi stessi ed è un ottimo anti stress, e di questi tempi di stress ne abbiamo!

Fare l’esercizio del trovare i lati positivi è sempre molto utile per analizzare ogni situazione ed esercitare il pensiero positivo, soprattutto in un mondo che ci assale a 360° da negatività, basti pensare a programmi televisivi o ai social.

Provateci anche voi, in tutta sicurezza, ovviamente!

Io leggo, mi riposo, o mi diletto ad aiutare mia mamma a chiudere i tortellini come ottime attività anti stress.

Oppure possiamo fare come l’orso Aari che si disinfetta le zampe, poi inforca gli occhiali e si gode la calma in compagnia di una bona lettura accettando la situazione, d’altra parte, anche lui si augura di tornare al più presto alla normalità, ma con qualche consapevolezza in più traendo ciò che di positivo questa brutta situazione ci ha portato!

Tanto, tutti siamo consapevoli che più che adattarci alla situazione e prenderla con calma, magari trovando lati positivi, non può fare!

Psicopillola di Cristina Sciacca Psicologa

Per informazioni sul coronavirus, SOLO siti istituzionali, ad esempio : http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus